Thursday, 27 September 2012

Safari Loves Cruelty Free, Vol. 1: Burt's Bees


Prima di cominciare vorrei accennare alla storia della giraffa scappata dal circo qualche giorno fa a Imola (notizia qui). La sua fuga, e la sua morte per lo spavento della cattura, mi hanno colpita tantissimo. Una giraffa, un animale selvatico e selvaggio, non dovrebbe mai dover vivere senza libertà. Pensando a lei, e agli animali che vivono in cattività o che vengono utilizzati per i test cosmetici, comincio questa rubrica intitolandola a un'altra giraffa, la mia mascotte Safari.
Spero che la rubrica vi piaccia e che possa essere utile.
E ora via con la prima ricerca!


Safari loves Cruelty Free, Vol. 1 - Burt's Bees


Storia del brand

Burt's Bees nasce negli Stati Uniti d'America, più precisamente nel Maine, nel 1984.
Inizialmente Roxanne produceva candele con la cera d'api fornita da Burt, poi hanno iniziato a usare la cera e il miele per produrre balsamo per labbra, ora invece hanno un'azienda famosa a livello internazionale per i suoi molti prodotti per la cura della pelle, del corpo e dei capelli.
Ulteriori informazioni: http://global.burtsbees.com/

Filosofia e Criteri

Burt's Bees si descrive come un'azienda amica dell'ambiente, utilizza ingredienti naturali e opera secondo il modello del "The Greater Good", per cui l'azienda riconosce la sua responsabilità sociale.
  • PETA: è nella lista "do not test" e porta il logo PETA sui prodotti.
  • ICEA: non possiede il certificato ICEA. 
  • Mercato cinese: No.
  • Multinazionali: nel 2007 è stata acquisita dalla Clorox, compagnia non certificata cruelty free.
  • Made in China : No, la produzione avviene totalmente negli Stati Uniti d'America.
  • Eco-bio e sostenibilità: Inci verdi riportati su tutte le confezioni e attenzione all'ambiente. Certificata dalla Natural Products Association (bollino sui prodotti), ha come obbiettivo per il 2020 il diventare l'azienda più verde al mondo. È 100% naturale e riciclabile (bollino sui prodotti).
  • Vegan: Non certificato per vegetariani, non certificato per vegani.

    Reperibilità

    Tempo fa i prodotti di questa marca erano disponibili in molte Sephora italiane ma ora pare non si trovino più. È comunque possibile acquistarli online in negozi eco-bio online.

    Considerazioni personali

    Burt's Bees è quasi impeccabile: prodotti naturali di qualità, non testati sugli animali, certificazione PETA... L'acquisizione da parte della Clorox non è una vera penalità dal mio punto di vista: il fatto che sia un'azienda non certificata cruelty free non vuol dire sistematicamente che sia un'azienda testante. Quindi... Safari approved!

    Alla prossima!
    Ere K.

    Disclaimer
    I contenuti di questo post sono frutto di una modesta ricerca personale su dati forniti dalle aziende sui propri siti o tramite comunicazioni ufficiali riportate su altri siti di informazione quali Wikipedia, il sito della PETA e GoCrueltyFree. I dati sono presentati in modo obiettivo e scevro da giudizi, sia positivi che negativi. Le mie considerazioni personali vanno quindi considerate semplicemente quali riflesso della mia opinione e della mia personale etica da consumatrice e cliente. Non vi è nessun giudizio negativo nei confronti dei consumatori con cui non condivido l'etica dell'acquisto.

    4 comments:

    1. Quando una buona marca viene comprata da una azienda la cui posizione sui test sugli animali non è chiara io sono sospettosa. Anche perchè penso sempre: ok, io pago la vostra roba, ma una parte va per forza alla multinazionale che vi ha acquisito e nel caso alla loro politica sui test...
      Ecco perchè per dire non compro la Body Shop.

      ReplyDelete
      Replies
      1. Diciamo che ci sono delle distinzioni da fare. C'è l'aziendina comprata da quella grossa a livello di azioni e quindi dà capitali all'azienda piccola per ingrandirsi secondo i suoi criteri fondatori, e questo mi pare il caso della Burt's. La Clorox vende candeggine, non vedo come potrebbe influire nella distribuzione di un prodotto di cosmetica verde.

        Poi ci sono le altre possibilità, che si possono calcolare volta per volta, e questa è la mia intenzione. Non esistendo il bianco o il nero, ma una vasta gamma di grigi, essere sospettosi è legittimo, ma dopo aver compreso bene la situazione... in questo post parliamo di Burt's, continuiamo a parlare della Burt's per piacere...

        Delete
      2. Ah, secondariamente farei una distinzione tra:
        - aziende che hanno la multinazionale che testa e che le obbliga a testare;
        - aziende che hanno la multinazionale che testa e che le lascia fare di testa propria così che possano difendere i loro principi fondatori;
        - aziende che sono sotto multinazionali che non sono certificate (e magari non c'entrano con il tipo di prodotto venduto, hanno comprato solo come scommessa commerciale su un'azienda promettente).
        Ecco.

        Delete
    2. Grazie per l'articolo, ancora non mi ero informata su Burt's Bees ed è stato sicuramente molto utile ^^ Devo assolutamente provare un burrocacao e la crema per le unghie :)

      ReplyDelete

    I commenti sono i benvenuti!
    Tuttavia qualsiasi commento contenente link al proprio blog, richieste di sub4sub o pubblicità, verrà cancellato. I commenti contenenti linguaggio o contenuti non appropriati non verranno pubblicati. Siate gentili e rispettate queste regole!

    Feel free to leave a comment!
    The comments that contain links, following request or advertising will be considered as spam. Unrespectful language and contents won't be published. Please respect these simple rules!