Friday, 26 October 2012

Safari Loves Cruelty Free Vol. 5: Neve Cosmetics



Per il quinto volume della mia serie Safari Loves Cruelty Free abbiamo scelto una delle nostre marche preferite in assoluto, una buona rappresentante dell'impegno italiano nella cosmetica "pulita" e cruelty free. In particolare attraverso questa ricerca ci siamo fatte venire delle nuove idee, e spesso anche nuovi dubbi da sciogliere, per questa rubrica e per la pagina Cruelty Free in generale. Stay tuned!


Safari loves Cruelty Free, Vol. 5: Neve Cosmetics

Storia del brand
Truccominerale, poi Neve Cosmetics, nasce nel 2009 in provincia di Torino. È un piccolo brand italiano cresciuto notevolmente soprattutto grazie al trucco minerale (in polvere libera), al make up e allo skin care senza petrolati e parabeni. È sicuramente il brand minerale italiano di punta.
Se nei primi tempi vendeva minerali di altre marche europee, negli ultimi due anni ha cominciato invece a ideare e a creare le sue collezioni, e a proporre altri prodotti abbastanza innovativi, come le cialde Arcobaleni e delle matite eco-bio di tutto rispetto come le Pastello.
Di recente l'azienda si è aperta all'Europa e sarà venduta anche in alcuni siti stranieri.
Sito internet: http://nevecosmetics.it/

Filosofia
Neve Cosmetics ha sempre puntato sul minerale come alternativa versatile e rispettosa della pelle, al trucco tradizionale cui la maggior parte del pubblico era abituato fino a qualche anno fa. Un aspetto tenuto particolarmente in risalto è sempre stato il cruelty free: dai pigmenti ai pennelli, niente è testato sugli animali.  

Certificazioni, questione Vegan e INCI:
Neve non ha nessuna certificazione del suo essere cruelty free. Si dichiara semplicemente come tale e dichiara di essere responsabile di fronte alla legge delle sue dichiarazioni, come viene detto nella mail di risposta che ho visto postare spesso su altri siti:
Neve Cosmetics non ha mai effettuato sperimentazioni su animali, nè tantomeno ha mai commissionato gli orribili test a terzi. I test di laboratorio per i nostri cosmetici vengono effettuati unicamente su volontari umani. (...)
Siamo responsabili delle nostre dichiarazioni e naturalmente pronti a fornirne documentazione agli enti di competenza che ne facciano richiesta.
Molti vegetariani e vegani, zoccolo duro del fronte animalista, contenstano in più forum e siti l'azienda di Moncalieri. Le cause principali sono due: la presenza di Carminio tra gli ingredienti utilizzati da Neve, e la mancanza di certificazioni.
Alla contestazione sulla presenza del Carminio, Neve Cosmetics risponde dicendo che questo ingrediente è l'unico pigmento rosso presente in natura e non pericoloso per l'uomo. L'alternativa sarebbe un pigmento sintetico, che può avere problemi di stabilità. La presenza di questo ingrediente in alcuni inci Neve comporta l'esclusione del brand dalle principali certificazioni italiane, tutte o quasi in mano a gruppi vegani con criteri molto rigidi.
A proposito di certificazioni, Neve risponde così nella famosa mail di risposta citata qua sopra:
La questione certificazioni è un'esperienza soggettiva: ogni azienda sceglie se affidarsi a certificazioni, enti o autocertificarsi, ed è comunque (e a prescindere da come sceglie di manifestare la sua politica cruelty-free) responsabile civilmente e penalmente per le proprie dichiarazioni qualora non dovessero rispondere al vero.
Non esiste al momento un ente governativo nazionale che certifichi il cruelty-free ed il consumatore sceglie liberamente se fidarsi di una lista piuttosto che un'altra piuttosto che direttamente delle dichiarazioni delle singole case cosmetiche.
Quello che cerchiamo di fare come casa cosmetica è di fornire informazioni limpide direttamente al cliente, mostrando tutti gli ingredienti dei nostri prodotti online oltre che sulle confezioni, prediligendo ingredienti vegetai e minerali, dedicando una sezione del nostro sito a chi sceglie di vivere vegan (http://www.nevecosmetics.it/it/25-prodotti-vegan), proponendo solo pennelli privi di setole animali ed ovviamente NON testando su animali.
Quella di Neve appare quindi come una scelta di principio, e lascia la scelta ai suoi consumatori. Neve sottolinea inoltre il suo impegno segnalando tutti i prodotti adatti anche ai vegani, e creando una categoria di ricerca apposita sul sito del brand.
Neve non rientra neanche nella contestata lista Vegan OK.

Criteri
  • MERCATO CINESE: no.
  • MULTINAZIONALI: no.
  • MADE IN CHINA: no, made in Italy!
  • ECO-BIO: sì.
  • INCI:
    • Petrolati e siliconi: assenti.
    • Parabeni: assenti.
    • Trucco minerale: sì.
    • Vegan: molti prodotti sono vegan.

    Reperibilità
    Negozio monomarca online (post coming soon), negozi ecobio online, alcuni negozi fisici quali bioprofumerie.

    Considerazioni personali
    Lo diciamo onestamente, abbiamo un po' sudato freddo leggendo le critiche mosse a Neve dalle altre parti in causa, e abbiamo indagato a fondo chiedendo dichiarazioni chiare e precise da Neve stessa. Per rispettare le clausole che si trovano in fondo alle mail del brand, non le pubblicheremo. Si tratta però di un chiarimento rispetto a quanto abbiamo già letto, ovvero la mail che ho citato in quanto già pubblicata altrove, e ai nostri dubbi personali.

    L'idea che ci siamo fatte in queste ricerche è che: una parte dei possibili consumatori rimane attaccata all'idea della certificazione (se ne trovano esempi ovunque, anche su facebook), e spesso e volentieri attacca i brand che non si certificano... citando le parole di Anna, "ti considerano colpevole a meno che non ti dimostri innocente", e innocenza in questo caso equivale ad autocertificazione e adesione o non adesione a determinate cerchie come Vegan Ok etc. "Non c'è da stupirsi che alcune aziende non cerchino neanche di certificarsi, a mio parere!" [N.d.Ere]
    I toni perentori di alcuni esponenti anche importanti del movimento animalista lasciano inoltre, a nostro parere, poco spazio al dialogo (alcuni esempi qui).

    Noi non siamo esattamente di questo avviso e crediamo che le dichiarazioni ufficiali di un brand, fatte al cliente, se si rivelassero false potrebbero compromettere l'intera azienda (come dichiarano comunque i sostenitori delle autocertificazioni!).
    Insomma, abbiamo deciso che ci fidiamo, continueremo a fidarci, e continueremo a cuor leggero ad apprezzare e ad usare prodotti Neve ♥ Safari approves (e tira un sospiro di sollievo pure lei)!

    Alla prossima!
    Ere & Anna K.

    Disclaimer
    I contenuti di questo post sono frutto di una modesta ricerca personale su dati forniti dalle aziende sui propri siti o tramite comunicazioni ufficiali riportate su altri siti di informazione quali Wikipedia, il sito della PETA e GoCrueltyFree. I dati sono presentati in modo obiettivo e scevro da giudizi, sia positivi che negativi. Le mie considerazioni personali vanno quindi considerate semplicemente quali riflesso della mia opinione e della mia personale etica da consumatrice e cliente. Non vi è nessun giudizio negativo nei confronti dei consumatori con cui non condivido l'etica dell'acquisto.

    5 comments:

    1. Io ho parecchie cosine di neve e mi ci trovo bene. E' uno dei miei brand preferiti inoltre c'è un buon rapporto qualità prezzo!

      ReplyDelete
    2. sono interessanti questi post... anche io penso che il rischio che un'azienda corre facendo una dichiarazione falsa sia grande... e mi fido di questa azienda, che comunque si presenta molto bene... poi se non vogliamo fidarci di questa come di altre per qualsiasi motivo, alla fine penso che non arriveremo a fidarci più di nessuno...

      ReplyDelete
    3. A me gli integralisti non piacciono. Anzi, mi spingono a comportarmi esattamente al contrario di come vorrebbero loro.
      Detto questo, sai che cerco di acquistare solo prodotti cruelty free e prima di comprare una cosa che non lo sia ci penso sei milioni di volte e lo faccio solo se non ho alternative. L'idea che mi son fatta delle certificazioni è che siano solo l'ennesimo giro di soldi: se tante aziende (con un giro di fatturato ben superiore a Neve!) non si certificano pur avendone i requisiti vuol dire che di palanche te ne chiedono tante. Se queste certificazioni si basassero solo su solidissimi principi di cruelty free, perché farle pagare tanto care?
      Quindi, se un'azienda ce l'ha bene, se non ce l'ha ma spergiura di esserlo bene lo stesso: tanto le bugie hanno le gambe corte e le notizie, ai tempi di Internet, girano veloci.
      E ci sono marche che ne sanno qualcosa di boicottaggio da parte delle bloggers dopo che sono state scorrette o poco chiare, e l'hanno pagata cara ed amara.
      Ergo, tendenzialmente io darei credito a Neve. (sì, tutto 'sto papiro per arrivare a questo punto!!!!)

      ReplyDelete
    4. Io sinceramente mi fido di Neve, li certificazione sono anche soldi e magari non tutte le aziende vogliono 'investirci'.

      ReplyDelete
    5. Mi piace molto Neve, certificazioni o no, grazie a questo brand ho potuto mettere sugli occhi un ombretto fucsia e non avere alcuna reazione allergica! ;)

      ReplyDelete

    I commenti sono i benvenuti!
    Tuttavia qualsiasi commento contenente link al proprio blog, richieste di sub4sub o pubblicità, verrà cancellato. I commenti contenenti linguaggio o contenuti non appropriati non verranno pubblicati. Siate gentili e rispettate queste regole!

    Feel free to leave a comment!
    The comments that contain links, following request or advertising will be considered as spam. Unrespectful language and contents won't be published. Please respect these simple rules!